Che cos’è Van Gogh Alive?

Van Gogh Alive – The Experience, prodotta da Grande Exhibitions Ninetynine è la la straordinaria mostra multimediale dedicata al grande pittore olandese che, con il suo stile unico ed inconfondibile, ha gettato le basi dell’arte moderna.

 

Che cosa vedrò a Van Gogh Alive?

La mostra si sviluppa in più sale, con spazi molto vasti e immagini video proiettate nella quattro dimensioni, compreso il soffitto alto circa 15 mt. All’inizio della mostra è presente un’area introduttiva con pannelli esplicativi dedicati a far conoscere la vita e le opere di Van Gogh. La mostra utilizza la tecnologia SENSORY4™, un sistema unico che incorpora oltre 50 proiettori ad alta definizione, una grafica multi canale e un suono surround in grado di creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo.

 

Quanto dura la visita alla mostra?

L’esperienza complessiva ha una durata di circa un’ora, fruibili in un unico turno o replicabili a proprio piacimento. In sostanza non vi è un limite, si può restare in mostra quanto si vuole.

 

Qual è l’obiettivo di Van Gogh Alive?

Lo scopo è essenzialmente divulgativo e culturale ed è volto a far conoscere il genio e l’originalità del maestro Vincent Van Gogh analizzando le sue opere in maniera estremamente innovativa e con una prospettiva del tutto particolare resa possibile dall’incredibile dettaglio creato dall’alta definizione delle immagini proiettate.

 

Un bambino può visitare Van Gogh Alive?

Non ci sono limiti di età per visitare la mostra.

Per quanto riguarda la possibilità di muoversi e giocare del bambino all’interno del percorso non ci sono problemi, contando anche che le superfici videoproiettate sono anch’esse calpestabili.

Raccomandiamo solo ai genitori di tenere i propri bambini vicino a loro e di non farli correre o parlare ad alta voce all’interno della mostra per non disturbare gli altri visitatori.

In caso di bambini aventi disabilità fisiche o psichiche certificate, consigliamo una visita preventiva da parte del genitore che poi accompagnerà il bambino, come buona prassi al fine di valutare e poi introdurre l’esperienza al bambino stesso.

Ovviamente quando il genitore tornerà in mostra accompagnato dal bambino non dovrà acquistare nuovamente il biglietto, che varrà anche per la seconda visita.

 

Ci sono indicazioni particolari da seguire per persone con disabilità fisica o psichica?

Le immagini sono sia a scorrimento che in dissolvenza. Tra le varie sequenze e ” capitoli ” dell’esperienza però non sempre si ha un passaggio graduale, vi sono anche stacchi con momenti di buio. Teniamo a precisare che i colori sono accesi come li ha dipinti dall’artista e di grande impatto, così come il livello dell’audio è altrettanto elevato, in dolby sorround come in una sala cinematografica.

 

 

Posso visitare la mostra portando il mio cane? 

L’ingresso è consentito solo ai cani di taglia ridottissima, se tenuti all’interno di trasportini / borse.

 

Posso visitare la mostra con mio figlio nel passeggino?

Si, può visitare la mostra portando con sé il passeggino.

 

Posso fare delle foto alle opere in mostra?

Si, ma senza l’utilizzo del flash.

 

Sono previste convenzioni per la visita della mostra?

Tutte le convenzioni con enti pubblici, con la pubblica amministrazione e soggetti privati, saranno pubblicati nel sito nella sezione convenzioni.

 


Se non hai trovato la risposta che cercavi scrivi a: info@vangoghbologna.it